studio@cecatiello.it
+39 02 72022862

Pratica collaborativa – Diritto collaborativo

L’Avvocato Armando Cecatiello insieme ai collaboratori dello  Studio Legale Cecatiello a Milano, nell’ottica di offrire ai clienti i più moderni strumenti per la soluzione delle controversie, da alcuni anni propone ai propri clienti di risolvere le controversie attraverso la pratica collaborativa, procedura nata negli Stati Uniti e ora diffusa in tutto il mondo.

Si tratta di un metodo alternativo e stragiudiziale, per risolvere i conflitti, che consente di evitare un procedimento contenzioso avanti il tribunale. 

Il concetto di processo collaborativo è stato elaborato nel 1989 da Stuart Webb, un avvocato americano, specializzato in diritto di famiglia, che aveva compreso che la soluzione giudiziaria nel divorzio infliggeva danni più gravi alle famiglie del divorzio stesso.

Dal 1989 la pratica collaborativa si è diffusa sempre più negli Stati Uniti e nel mondo ed è risultato un metodo con un alto tasso di riuscita e di soddisfazione che, come emerso da diversi studi, evita ulteriori giudizi contenziosi dopo la separazione o il divorzio.

Nelle controversie di diritto di famiglia, questo pratica permette di trovare una soluzione soddisfacente per tutti i componenti della famiglia in primo luogo i figli.

Si tratta di un nuovo modo di separarsi con rispetto e in modo razionale.

Il procedimento è centrato sui coniugi o partner e guidato dagli stessi.

Il procedimento consiste in una negoziazione che riunisce le parti e i loro rispettivi avvocati, che li consigliano e assistono, in uno spirito di collaborazione, per trovare una soluzione concordata nell’interesse di tutti.

Il diritto collaborativo è una efficace alternativa al Tribunale e nella maggior parte dei casi risolve realmente i problemi delle coppie in crisi che, alla fine del procedimento, si rivolgono al Tribunale solo per formalizzare l’accordo raggiunto.

Le parti con l’aiuto e l’assistenza dei loro avvocati, controllano il procedimento, tutti lavorano in un clima di cooperazione e di fiducia che riduce la tensione emotiva del conflitto, così le parti possono concentrarsi sulla ricerca di soluzioni condivise senza pressioni o condizionamenti connessi alla minaccia del ricorso al tribunale.

Da ultimo si deve sottolineare che il procedimento collaborativo è più rapido di quello giudiziale e di conseguenza ha costi minori.

 

LA PRATICA COLLABORATIVA, L’INTERESSE DEI FIGLI IN PRIMO PIANO

Gli avvocati dello Studio Legale Cecatiello ritengono che i minori nel conflitto dei genitori debbano ...
Leggi Tutto

I VANTAGGI DELLA PRATICA COLLABORATIVA

Lo Studio Legale Cecatiello ha grande attenzione per i diritti dei clienti e il successo ...
Leggi Tutto

ACCORDO DI PARTECIPAZIONE ALLA PRATICA COLLABORATIVA

(vediamo come può essere un accordo di partecipazione alla pratica collaborativa secondo gli standard IACP ...
Leggi Tutto

CON LA PRATICA COLLABORATIVA LASCIARSI BENE È DIFFICILE MA POSSIBILE

Quando finisce o si incrina una relazione è sempre un momento difficile che spesso porta ...
Leggi Tutto

LA PRATICA COLLABORATIVA UN APPROFONDIMENTO

La pratica collaborativa è nata negli Stati Uniti da un’intuizione di Stuard Webb all’inizio del ...
Leggi Tutto

PERCHÉ LA PRATICA COLLABORATIVA

Da oltre vent’anni mi occupo di diritto di famiglie e di diritti delle persone in ...
Leggi Tutto

LA PRATICA COLLABORATIVA E LO STUDIO LEGALE CECATIELLO

Da anni con lo Studio Legale Cecatiello mi occupo di diritto di famiglia e, come ...
Leggi Tutto