fbpx
Studio Legale Avvocato Cecatiello, specializzato in Diritto di Famiglia | International Family Law
studio@cecatiello.it
+39 02 72022862

mantenimento ex moglie

MANTENIMENTO EX MOGLIE: PERDE L’ASSEGNO SE PUÒ LAVORARE ?

Con una recente sentenza la Suprema Corte (Cass. sent. n. 789 del 13.01.2017) ha stabilito che l’ex moglie che ha le capacità e la preparazione da consentirle di lavorare non può continuare a vivere alle spalle dell’ex marito, per cui è diritto di quest’ultimo non versarle l’assegno di mantenimento. Secondo la Corte solo quelle donne che hanno perso, prima della separazione, ogni potenziale capacità di guadagno possono esigere l’assegno mensile (è il caso della casalinga quarantenne che non ha una formazione specifica), mentre le altre devono cercare di mantenersi da sole.

Se la donna lavora – o può lavorare e volontariamente non lo fa – il conseguente reddito (effettivo o potenziale) può essere valutato dal giudice per ridurre o cancellare del tutto il suo diritto al mantenimento. Scopo dell’assegno mensile è infatti quello di equilibrare le condizioni economiche degli ex coniugi anche dopo la separazione. Cosi’ se  lo stipendio dell’ex moglie le consente di avere il medesimo tenore di vita del marito allora non può rivendicare il mantenimento o, quantomeno, potrà beneficiare di un mantenimento inferiore.

Il problema non si pone quando la donna ha un proprio stipendio o, da autonoma, ha una dichiarazione dei redditi: il dato numerico di quanto guadagnato è evidente e non richiede, spesso, ulteriori accertamenti.

I dubbi nascono invece quando la donna è disoccupata. Il punto su cui si sofferma la Corte è quello relativo alle ragioni del mancato reperimento di una sistemazione lavorativa.  In tali casi la Cassazione distingue i casi in cui ciò sia dovuto a una incapacità della donna per aver svolto sino ad allora, altri compiti come la casalinga e, dunque, per non aver potuto coltivare una propria “formazione al lavoro”, dai casi invece in cui lo stato di disoccupazione dipende da un suo atteggiamento, come quando   in cerca di una posizione lavorativa ideale, confacente alle proprie ambizioni non lavora.

La Cassazione precisa che : «l’attitudine al lavoro proficuo della ex moglie, quale potenzialità di guadagno, costituisce elemento valutabile ai fini della determinazione della misura dell’assegno di mantenimento da parte del giudice, che deve al riguardo tenere conto non solo dei redditi in denaro, ma anche di ogni utilità o capacità dei coniugi suscettibile di valutazione economica» e  «L’attitudine del coniuge al lavoro assume in tal caso rilievo solo se viene riscontrata in termini di effettiva possibilità di svolgimento di un’attività lavorativa retribuita, in considerazione di ogni concreto fattore individuale e ambientale, e non già di mere valutazioni astratte ed ipotetiche»

In sintesi: ciò che conta non è tanto quanto guadagna la ex moglie ma le sue possibilità concrete e specifiche di guadagnare, a prescindere dal non aver trovato una propria sistemazione lavorativa.

Armando Cecatiello, Avvocato Milano e Roma.
Studio Legale Cecatiello, specializzato in diritto di famiglia, avvocato matrimonialista, avvocato divorzista, mantenimento/affidamento minori.